BOSSO COMUNE
(Buxus sempervirens)
LO SPAZIO DI FABIO - rubrica curata da Fabio Frigeri

02 aprile 2011 (revisione)

(f.f.) A chi percorre i boschi delle Apuane capita, talvolta, di percepire un odore caratteristico, amaro e non gradevole a tutti, alcuni dicono odore di “urina di topo”, potete esser sicuri di essere vicini a una casa, a un rudere, a un vecchio borgo: quello è l’odore del bosso che forma siepi, piantate dall’uomo, in vicinanza delle case.

un fresco odor di cimitero

viene, di bosso.

G. Pascoli[ 1]

IL GENERE BUXUS

Famiglia BuxaceaeBuxus sempervirens

Buxus L. fu classificato da Linneo nel 1753.

Il nome generico Buxus deriva dal latino buxum, i (neutro) o buxus, i (femminile) usato per denominare questa pianta. Il termine latino deriva, per corruzione, dal greco πόζος e anche da πυκσος (= fitto, serrato) in riferimento al legno giallastro durissimo con cui venivano fatte le tavolette da scrittura da coprirsi con cera.

Il genere Buxus comprende una settantina di arbusti sempreverdi a lenta crescita e di piccoli alberi che possono superare anche i 10 metri in altezza. Le foglie sono opposte, da arrotondate a lanceolate, coriacee e, in genere piuttosto piccole. I fiori sono piccoli e giallastri. Sono piante monoiche con fiori maschili e femminili distinte nella stessa pianta. Il frutto è una piccola capsula con numerosi semi.

Le piante di questo genere sono presenti nell’Europa meridionale e occidentale, in Asia, Africa, America centrale e meridionale. La maggior parte delle specie sono tropicali o subtropicali, in Europa vivono specie resistenti al gelo.

Le specie più diffuse in Italia sono il Buxus sempervirens e il Buxus balearica, spontaneo in Sardegna, che ha foglie più grandi del precedente, di color verde chiaro e fiori profumati.

BUXUS SEMPERVIRENS

Buxus sempervirens L.

Classificata da Linneo nel 1753.

Conosciuta volgarmente come: bosso.bossolo, mortella (da non confondersi con il mirto)

Il nome specifico sempervirens deriva dai termini latini sempĕr (= sempre) e virens dal verbo vĭrĕo, es, ǔi, ēre (= verdeggiare, essere verde). Il significato è sempreverde.

Il bosso (buxus sempervirens) è un arbusto sempreverde, con le foglie lucide color verde scuro, ama le zone aride e rocciose, in particolare quelle calcaree.

Ha piccole foglie allungate e opposte, sessili o con breve picciolo e piccoli fiori ascellari. È molto usato come pianta ornamentale e nei giardini all’italiana viene “scolpito” nelle più diverse forme poiché sopporta molto bene la potatura.

Il suo legno, durissimo, indeformabile e di colore giallastro, è particolarmente pregiato ed è usato in scultura e per fabbricare oggetti. Tanto è vero che la parola inglese box (= scatola) deriva proprio dal latino buxus poiché col legno di bosso erano costruite scatole per contenere gioielli o altre cose preziose.

È considerato pianta velenosa e l’utilizzo medicinale deve essere fatto con grande attenzione e competenza. Comunque, in passato, era usato come febbrifugo per la presenza di un alcaloide, denominato bossina e si pensava che le frizioni con le sue foglie fossero un rimedio efficace contro la calvizie. Gli sono riconosciute anche proprietà antireumatiche, lassative e sudoripare.

Nell’antica Grecia il bosso era pianta sacra ad Ade, dio degli Inferi. Esso, come altre piante sempreverdi, simboleggiava la vita che continua dopo la morte, la rinascita continua della Natura e quindi l’eternità. In effetti la pianta sopravvive alle condizioni più sfavorevoli sia del terreno che del clima, sopportando bene gelo e siccità. È inoltre pianta molto longeva che raggiunge i 600 anni di età.

In alta Versilia il bosso era anche considerato protezione contro i serpenti, in particolare le vipere, che erano ritenuti aborrire l’odore sgradevole di questa pianta.

Quindi ritengo che esso fosse coltivato presso le abitazioni per un insieme di fattori sopra descritti: il consolidamento del terreno potenzialmente franoso dei boschi di montagna per il suo robusto e ampio apparato radicale; l’azione presunta contro i serpenti; gli effetti medicinali; le proprietà del suo legno.

Ancora oggi continua a prosperare presso i vecchi ruderi segno di un’antica presenza dei nostri progenitori.

Così riporta il botanico apuano Pietro Pellegrini[2]:

1300. – Buxus sempervirens L.

(luoghi in cui è stata osservata:) è comunemente coltivato nei giardini e orti in tutta la Provincia e qua e là appare anche semispontaneo.

Volg. Bosso, bossolo.

Fiorisce in marzo e aprile. Pianta legnosa.

LA PIANTA

Classificazione: Superdivisione: Spermatophyta; Divisione: Magnoliophyta (Angiospermae); Classe: Magnoliopsida; Sottoclasse: Rosidae; Ordine: Euphorbiales; Famiglia: Buxaceae; Genere: Buxus; Specie: Buxus sempervirens

Forma biologica: Nano-fanerofita (simbolo: NP). Le fanerofite (simbolo P) sono piante perenni e legnose con gemme svernanti poste a un’altezza maggiore di 30 cm dal suolo. Le nano-fanerofite hanno le gemme poste tra 30 cm e 2 metri d’altezza.

Possiede anche le caratteristiche delle: Fanerofita cespugliosa (simbolo: P caesp). Cespugliosa o cespitosa (simbolo: caesp) significa che il portamento è cespuglioso.

Descrizione: arbusto o piccolo albero sempreverde, alto da 30 cm a 3m mentre come albero raggiunge gli 8 metri. Il fusto è molto ramificato e la corteccia da marrone chiaro passa a grigia con l’età. Le foglie sono opposte, semplici, ovali e lunghe al massimo 3 cm. Esse sono coriacee e verde scuro superiormente e più chiare nella pagina inferiore ed emanano un odore caratteristico. Presenta fiori distinti, maschili e femminili, nella stessa pianta (monoica), essi sono piccoli e insignificanti, verde-pallido e si formano all’ascella delle nuove foglie. Il frutto è una capsula.

Antesi: marzo-aprile

Tipo corologico: spontanea nell’Europa centro-meridionale dalla penisola iberica fino ai Balcani e all’Asia occidentale e in piccole zone dell’Africa settentrionale. In Italia è presente al nord e al centro fino alla Campania, manca in Puglia, Molise, Calabria e Sicilia.

Habitat: sottobosco dal piano fino alle zone montane, rupi e pietraie aride e calcaree.

Conservazione: la specie è compresa nella LRT (Lista Rossa Toscana) delle specie vegetali protette.

Altre foto possono essere consultate qui

 

Attenzione: le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimentari eventualmente indicati sono a puro scopo informativo. Decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro uso a scopo alimentare, curativo e/o estetico.



note

1 Giovanni Pascoli, Dopo l’acquazzone nella raccolta Myricae.

2 Pietro Pellegrini “Flora della Provincia di Apuania ossia Rassegna delle piante fanerogame indigene, inselvatichite, avventizie esotiche e di quelle largamente coltivate nel territorio di Apuania e delle crittogame vascolari e cellulari, con la indicazione dei luoghi di raccolta”, Stab. Tip. Ditta E. Medici, Massa, 1942. Il testo è stato ristampato in copia anastatica nel maggio 2009 dalla Società Editrice Apuana di Carrara per conto della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara. Pag. 261.

 

Licenza Creative Commons
Creative Commons
Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di questo sito sono distribuiti con Licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

LO SPAZIO DI FABIO - rubrica curata da Fabio Frigeri