(MS-Carrara) FOCE DI PIANZA-FOCE DELLA FAGGIOLA (1455 m)-MONTE SAGRO (1750 m)
Loc. di partenza: FOCE PIANZA (m.1270)
Loc. di arrivo: MONTE SAGRO (m.1750)
Dislivello mt.: 480
Tempo totale: 3h
Difficoltà: E
Punti d'appoggio: No
Rifornimento acqua: No
Tratti di ferrata: No
Sequenza sentieri: 172/173-172-segni di vetta
Escursione del 30/12/2008 (rev.6/06/2010). [IXLK]https://www.facebook.com/Escursioni.Apuane/photos/a.1985769234777600/1992968457391011/?type=3&theater[FXLK][TYLK]

[ILK]MonteSagro.html[FLK]Qui[TLK]un approfondimento sul Monte Sagro.
[ILK]Sentiero172.html[FLK]Qui[TLK]un approfondimento sul sentiero 172.
[ILK]Sentiero173.html[FLK]Qui[TLK]un approfondimento sul sentiero 173.
.

E’ un itinerario classico per tutti i carrarini che amano la montagna, ma anche quelli che non hanno questa passione sovente si improvvisano escursionisti per raggiungere la cima della montagna che, tra tutte quelle delle Apuane, sovrastando la loro città, sentono maggiormente propria.
Questo per anticipare subito che questa escursione non presenta difficoltà alcuna, anche se, è bene ripeterlo, a qualsiasi montagna è dovuto il necessario rispetto e la necessaria attenzione.
La partenza è da Foce Pianza (mt.1270), l’avallamento che separa il Monte Borla dal Monte Sagro, ed il sentiero è contrassegnato dal segnavia 172/173 (tratto in comune), che si snoda in direzione sud-est, sovrastando la sottostante grande cava di marmo che sembra voglia divorarsi la cima che dobbiamo raggiungere, per biforcarsi dopo qualche centinaio di metri. Il 173 piega a sinistra, aggirando la cava, per dirigersi verso la foce del Faneletto prima di raggiungere la quale è possibile arrivare alla vetta risalendo la cresta sud/ovest, e proseguire, aggirando il Sagro, fino alle foci di Vinca e di Navola, mentre il 172 (che è quello che seguiremo) si dirige dritto verso la Foce della Faggiola.
Il percorso si snoda su roccia, con belle viste sul litorale Tirreno e sulle Apuane meridionali, fino alla Foce della Faggiola, dove si abbandona il sentiero 172, che prosegue per Foce Luccica, per seguire, a sinistra, i segnali blu del sentiero di vetta.
Si attraversano, con percorso moderatamente erto e trasversale, i versanti occidentali dello Spallone e si transita sopra i Capannelli di Sagro, dove la pendenza comincia a farsi maggiore.
Il sentiero, essendo molto frequentato, è molto scavato ed evidente ed il terreno che lo ospita è un grande prato erboso con pendenza in aumento costante.
Sarà così fino alla cima a cui si arriva percorrendo il tratto sommitale della cresta nord-ovest.
Lassù una croce, una rosa dei venti in marmo, una madonnina ed un panorama stupendo.
Seguire le indicazioni per Carrara, arrivati nel centro della quale, oltrepassato il semaforo di Piazza Farini, si svolta, a quello successivo, a sinistra seguendo le indicazioni per Campocecina.
Si esce dalla città e si sale trovando prima il paese di Gragnana, poi quello di Castelpoggio, qualche Km dopo il quale, troviamo il bivio per Campocecina.
Si prosegue ancora per circa 9 km, per arrivare all'ampio piazzale dell'Uccelliera, bel punto panoramico sulla costa. Qui si prende la strada di destra che conduce in un paio di km. allo spiazzo di Foce Pianza.
Nei pressi di Foce Pianza, le pedici pietrose del Monte Borla ospitano Il Fiordaliso del Borla (Centaurea Montis-Borlae) una rara specie endemica unica al mondo. E’ lì soltanto per farsi ammirare e fotografare.

La traccia gps allegata riporta, oltre alla salita descritta, anche la discesa dal versante ovest, in modo da percorrere un giro ad anello.

ATTENZIONE!!! Lo staff di www.escursioniapuane.com declina qualsiasi responsabilità riguardo eventuali malaugurati incidenti che potrebbero accadere percorrendo gli itinerari descritti sul proprio sito. Declina altresì qualsiasi responsabilità per differenze eventualmente riscontrate rispetto a tali descrizioni, riguardanti alterazioni dello stato dei suddetti percorsi (quali: danni associati alle condizioni meteorologiche e ad altri eventi naturali, carenze di manutenzione, interventi umani, sostituzione delle numerazioni dei sentieri ecc.ecc.) successive alle date di effettuazione delle proprie escursioni.
Ricorda inoltre che tutte le valutazioni circa le difficoltà delle escursioni, riportate sul proprio sito, sono prettamente soggettive. In montagna, per motivi esclusivamente personali, ciò che è estremamente facile per qualcuno, potrebbe essere estremamente difficile per altri e viceversa. Quindi, durante le escursioni, sta al buonsenso di ciascuno di coloro che ci leggono, decidere quando e se proseguire o meno.