LILIOASFODELO MAGGIORE
(Anthericum liliago)

LO SPAZIO DI FABIO - rubrica curata da Fabio Frigeri

11 novembre 2012

(f.f.) l’Anthericum liliago è una pianta con bei fiori bianchi che somigliano sia a quelli del al giglio che dell’asfodelo. È ben diffuso sulle nostre montagne.


IL GENERE ANTHERICUM

Famiglia Liliaceae

Anthericum L fu classificato da Linneo nel 1753.

Il nome generico Anthericum deriva dal latino dotto anthericus, i (= stelo fiorito dell’asfodelo, fiore dell’asfodelo) diventato neutro per Linneo. A sua volta il termine latino deriva dal greco ανθέρικος che ha lo stesso significato, il quale deriva da ανθέριξ (= spiga). Il nome è usato per la somiglianza delle piante di questo genere con gli asfodeli.

Il genere Anthericum comprende circa 300 specie, ma la classificazione è ancora piuttosto incerta. Esse sono piante perenni e rizomatose. Le foglie sono lunghe e strette, il fusto è più o meno ramificato e i rami portano all’apice infiorescenze a racemo di fiori bianchi e stellati. Le piante di questo genere sono tipiche dell’Africa meridionale (in particolare Eritrea e Somalia) e del Madagascar , ma sono presenti anche in Europa.

In Italia sono spontanee due specie: Anthericum ramosum (lilioasfodelo minore) e Anthericum liliago (giglio di San Bernardo). La seconda specie ha fiori più grandi e infiorescenza meno ramificata.

Queste piante sono coltivate nei giardini.

ANTHERICUM LILIAGOAnthericum liliago

Anthericum liliago L.

Classificata da Linneo nel 1753.

Conosciuta anche come: Phalangium liliago Schreiber

Conosciuta volgarmente come: anterico, giglio di San Bernardo, liliagine, lilioasfodelo maggiore.

Il nome specifico liliago deriva dall’aggettivo latino līlĭācĕus, a, um (o –cĭus) (= di giglio) per la somiglianza dei fiori a quelli del giglio.

L’Anthericum liliago è una pianta erbacea perenne alta da 30 a 60 cm con fusto cilindrico eretto e glabro e con foglie, solo basali, di forma nastriforme e lunghe sino a 40 cm. I fiori sono disposti in racemo (in numero compreso tra 10 e 20), sono peduncolati e hanno con 6 petali bianchi caratterizzati da 3 sottili nervature. La fioritura avviene dal basso verso l’alto e quindi non è possibile trovare tutti i fiori dischiusi contemporaneamente.

Così riporta il botanico apuano Pietro Pellegrini[1]:

1467. – Phalangium liliago Schreb. [Anthericum liliago L.]

= Anthericum liliago – L.

(luoghi in cui è stata osservata:) In luoghi boscosi tra Bergiola Maggiore e Bedizzano e sulla cima del M. Brugiana, nella valle e nel M. di Antona. A Predia sopra Fivizzano e a Sassalbo, tra Castelpoggio e M. Bastione, nei dintorni di Pontremoli e a Montelungo. Trovasi anche alla sinistra del Frigido a Massa tra il ponte della via Aurelia e la Rinchiostra e nei boschi di Canal Magro.

Fiorisce da maggio a luglio. Pianta erbacea perenne.

Pellegrini cita anche Phalangium ramosum Poir. [Anthericum ramosum L.]

LA PIANTA

Classificazione: Superdivisione: Spermatophyta; Divisione: Magnoliophyta (Angiospermae); Classe: Liliopsida; Sottoclasse: Liliidae; Ordine: Liliales; Famiglia: Liliaceae; Genere: Anthericum; Specie: Anthericum liliago

Forma biologica: Geofita bulbosa (simbolo: G bulb). Geofita (simbolo G): pianta erbacea perenne che porta le gemme in posizione sotterranea (in bulbi, rizomi, tuberi) e durante la stagione avversa non presenta organi aerei. Bulbosa (simbolo bulb): pianta che presenta un organo sotterraneo di riserva, detto bulbo, dal quale ogni anno nascono fusti, foglie e fiori.

Descrizione: pianta erbacea perenne rizomatosa. Raggiunge l’altezza di 30-60cm. i fusti sono cilindrici, eretti, glabri e indivisi. Ha foglie solo basali lineari e nastriformi. I fiori peduncolati sono raccolti in racemi da 10 a 20. Essi hanno 6 petali bianchi con antere giallo-verdastre. Il frutto è una capsula ovale.

Antesi: maggio - giugno

Tipo corologico: sub-atlantico. Pianta europea assente solo nei paesi nordici. In Italia è assente in Sicilia e in Puglia e incerta nel Friuli-Venezia Giulia.

Habitat: praterie aride e soleggiate dai 300 ai 1800 metri, preferisce i terreni silicei.

Conservazione: la specie non è compresa nella LRT (Lista Rossa Toscana) delle specie vegetali protette.

Altre foto possono essere consultate qui

 

Attenzione: le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimentari eventualmente indicati sono a puro scopo informativo. Decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro uso a scopo alimentare, curativo e/o estetico.



note

1 Pietro Pellegrini “Flora della Provincia di Apuania ossia Rassegna delle piante fanerogame indigene, inselvatichite, avventizie esotiche e di quelle largamente coltivate nel territorio di Apuania e delle crittogame vascolari e cellulari, con la indicazione dei luoghi di raccolta”, Stab. Tip. Ditta E. Medici, Massa, 1942. Il testo è stato ristampato in copia anastatica nel maggio 2009 dalla Società Editrice Apuana di Carrara per conto della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara. Pag. 293.



Licenza Creative Commons
Creative Commons
Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di questo sito sono distribuiti con Licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

LO SPAZIO DI FABIO - rubrica curata da Fabio Frigeri