CISTO FEMMINA
(Cistus salvifolius)
LO SPAZIO DI FABIO - rubrica curata da Fabio Frigeri

22 agosto 2011

(f.f.) nelle regioni apuane che più risentono del clima mediterraneo prospera questo cespuglio dalla bella e abbondante fioritura bianca che attira miriadi di insetti e profuma l’aria nelle ore più assolate.

Graeci vicino vocabulo cisthon appellant fruticem maiorem thymo, foliis ocimi.

Duo eius genera: flos masculo rosaceus, feminae albus[1].

IL GENERE CISTUSCistus salvifolius

Famiglia Cistaceae

Cistus L fu classificato da Linneo nel 1753.

Il nome generico Cistus deriva dal greco κισθός che denominava la pianta, a sua volta derivato da κίστη (= cesta, cassa) in riferimento alla forma e alla consistenza del frutto.

Il genere Cistus è formato da una ventina di specie distinte[2]. Essi sono arbusti perenni e sempreverdi che vivono su terreno secco o roccioso nella regione mediterranea, sono alti fino a 1,5 metri e sono più o meno odorosi. Hanno foglie opposte, semplici e, a volte, coperte di resine. I fiori hanno cinque petali dal bianco al rosa al porpora con numerosi stami. Il frutto è una capsula con numerosi semi.

Molti cisti sono coltivati come piante da giardino per cui esistono anche diversi cultivar. La pianta è mellifera con produzione di poco miele, ma di ottima qualità.

Sono piante termofile che amano luoghi aperti e assolati ai quali si sono perfettamente adattate.

Queste piante sono tipiche della macchia mediterranea, dell’Oleo-ceratonion[3] e della gariga[4]. Quando i cisti predominano è segno della degradazione verso la gariga o la prateria.

Infatti il cisto è pianta non amata dagli animali al pascolo a causa delle foglie troppo aromatiche e i suoi semi sono resistenti agli incendi per cui la pianta è in grado di colonizzare ambienti degradati dagli incendi, dal pascolo e dal disboscamento selvaggio.

In Italia sono presenti otto specie tra cui ricordiamo:

Cistus albidus (cisto bianco) con i fiori purpurei dall’aspetto spiegazzato e foglie sessili e trinervie.

Cistus incanus conosciuto anche come Cistus creticus (cisto maschio o cisto rosso) dai fiori rosei o rosso-purpurei, gialli alla base.

Cistus ladanifer dai fiori bianchi con macchia rossa. La sua resina (ladano) è usata in profumeria..

Cistus laurifolius (cisto maggiore) dai fiori bianchi e dalle foglie simili a quelle dell’alloro. È pianta a rischio di estinzione in Italia.

Cistus monspeliensis (cisto marino) dai fiori bianchi e foglie lineari-lanceolate e molto aromatiche.

Cistus salvifolius (cisto femmina) dai fiori bianchi e dalle foglie che somigliano a quelle della salvia.

CISTUS SALVIFOLIUS

Cistus salvifolius L.

Classificata da Linneo nel 1753.

Conosciuta anche come: Cistus salviifolius L.

Conosciuta volgarmente come: cisto femmina, scornabecco[5].

Il nome specifico salvifolius deriva dalle parole latine sălvia, ae (= salvia) e fǒlǐa (= foglie, plurale del sostantivo neutro fǒlǐum, ǐi (= foglia). Infatti le sue foglie somigliano a quelle della salvia.

Il Cistus salviifolius è pianta rustica, resiste alla siccità, è poco esigente riguardo all’acidità del terreno. Ama il terreno assolato, ma vive bene anche in mezz’ombra. È tipica della macchia mediterranea ed è ben resistente agli incendi.

La pianta emana un caratteristico aroma resinoso, componente fondamentale del profumo della macchia. È la specie di Cistus maggiormente presente in Italia. È comune nelle zone costiere e più interne centro meridionali mentre al nord è sporadico e localizzato.

Dal cisto si ricavano sostanze aromatiche usate in profumeria. Gli sono riconosciute proprietà medicamentose come antiinfiammatorio, antimicrobico e antiossidante e, in passato, era usato, nella medicina popolare, contro ulcere, diarrea e contro le infiammazioni in generale.

Così riporta il botanico apuano Pietro Pellegrini[6]:

151. – Cistus salvifolius L.

(luoghi in cui è stata osservata:) A Massa nella valle del Frigido sopra il Forno (Sim.), nei boschi lungo la Marina al Cinquale, al Colletto, sopra la Rocca e ai Tecchioni, a S. Carlo di Pò, sopra Canevara al Poggio, nel M. Brugiana, a Montignoso, al Cerreto e al M. Fragolito. A Carrara nei boschi e vigne alla Foce, fra Gragnana e Castelpoiio, a Fossola e Moneta e al M. Castellaro. Comune altresì a Fosdinovo, nel territorio di Fivizzano, nei dintorni di Villafranca, nei luoghi di collina fra Pontremoli e Scorcetoli e fra Pontremoli e Montelungo.

Fiorisce in maggio e giugno. Pianta legnosa.

LA PIANTA

Classificazione: Superdivisione: Spermatophyta; Divisione: Magnoliophyta (Angiospermae); Classe: Magnoliopsida; Sottoclasse: Dilleniidae; Ordine: Violales; Famiglia: Cistaceae; Genere: Cistus; Specie: Cistus salvifolius

Forma biologica: Nano-fanerofita (simbolo: NP). Le fanerofite (simbolo P) sono piante perenni e legnose con gemme svernanti poste a un’altezza maggiore di 30 cm dal suolo. Le nano-fanerofite hanno le gemme poste tra 30 cm e 2 metri d’altezza.

Descrizione: pianta arbustiva sempreverde, non molto alta, con fusti legnosi e ramificati che raggiunge 60 cm di altezza. Ha colore verde glauco per abbondanza di peli. Le foglie sono verde chiaro, brevemente picciolate, hanno forma ovale o ellittica e hanno aspetto rugoso. I fiori sono di solito solitari, di rado appaiati, hanno lunghi peduncoli, si trovano all’ascella delle foglie e sono penduli prima della fioritura. La corolla è formata da cinque petali bianchi, gialli alla base con numerosi stami gialli. Il frutto è una capsula contenenti molti piccoli semi,

Antesi: aprile-maggio

Tipo corologico: steno-mediterranea. È presente nelle coste del Mediterraneo (zona dell’olivo). In Italia è assente solo in Valle d’Aosta e Trentino.

Habitat: macchia mediterranea, leccete, gariga (nel nord Italia è presente in luoghi riparati). Vegeta in posizione assolata, o in mezz’ombra, su substrato siliceo dal livello del mare fino a 1200 metri.

Conservazione: la specie non è compresa nella LRT (Lista Rossa Toscana) delle specie vegetali protette dove sono presenti le congeneri Cistus albidus e Cistus laurifolius.

Altre foto possono essere consultate qui

 

Attenzione: le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimentari eventualmente indicati sono a puro scopo informativo. Decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro uso a scopo alimentare, curativo e/o estetico.



note

1 Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, XXIV, 48.

2 In inglese sono chiamati rockrose (rosa delle rocce).

3 Si definisce oleo-ceratonion (oleastro-carrubo) un ecosistema mediterraneo simile alla macchia, essa prende nome dall’olivo selvatico (Olea europea var sylvestris) e dal carrubo (Ceratonia siliqua) ed è tipica di costoni rocciosi soleggiati e ripidi con bassa piovosità annua.

4 La gariga (dal provenzale terra incolta) è considerata una degradazione della macchia a causa di incendi, erosioni, pascolo eccessivo. Essa è caratterizzata da bassi arbusti che vivono su terreno roccioso o sabbioso, arido e assolato.

5 Questo nome deriva dal fatto che la foglia non è amata dagli animali per la sua aromaticità.

6 Pietro Pellegrini “Flora della Provincia di Apuania ossia Rassegna delle piante fanerogame indigene, inselvatichite, avventizie esotiche e di quelle largamente coltivate nel territorio di Apuania e delle crittogame vascolari e cellulari, con la indicazione dei luoghi di raccolta”, Stab. Tip. Ditta E. Medici, Massa, 1942. Il testo è stato ristampato in copia anastatica nel maggio 2009 dalla Società Editrice Apuana di Carrara per conto della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara. Pag. 43.

 

Licenza Creative Commons
Creative Commons
Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di questo sito sono distribuiti con Licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

LO SPAZIO DI FABIO - rubrica curata da Fabio Frigeri