CARPINO NERO
(Ostrya carpinifolia)
LO SPAZIO DI FABIO - rubrica curata da Fabio Frigeri

25 settembre 2012

(f.f.) il carpino nero è ben presente nei boschi apuani e fu usato in passato sia per produrre carbone che come ottima legna da ardere.

IL GENERE OSTRYA

Famiglia Betulaceae.

Ostrya Scop. fu classificato da Giovanni Antonio Scopoli[1] nel 1760.

Il nome generico Ostrya deriva dal greco όστρεον, ου (= ostrica) a sua volta da όστέον, ου (= osso). Questo per la somiglianza del frutto, avvolto da brattee, con le valve dell’ostrica (a sua volta dura come l’osso).

Ostrya è un genere di piante comprendente una decina di piccoli alberi a foglie decidue presenti in Europa meridionale, Medio Oriente, Asia Centrale e America centro-settentrionale.

In Europa è presente solo Ostrya carpinifolia (carpino nero), specie presente anche in Italia.

Le piante di questo genere hanno una chioma conica o irregolare e corteccia ruvida e squamosa. Hanno foglie alternate, lunghe 3-10 cm con margine doppiamente seghettato. Sono piante monoiche con fiori maschili lunghi 5-10 cm e fiori femminili 2-5. Le infruttescenze sono pendule e lunghe 3-8 cm e sono racchiuse da un involucro formato da brattee saldate insieme.

Il legno è pesante e molto duro.

OSTRYA CARPINIFOLIAOstrya carpinifolia (Carpino nero)

Ostrya carpinifolia Scop.

Classificata da Giovanni Antonio Scopoli nel 1760.

Conosciuta volgarmente come: carpino nero, carpinella.

Il nome specifico carpinifolia deriva da carpĭnus, i (= carpino) e da fǒlǐum, ǐi (= foglia). Questo è in relazione alla forma delle foglie simili a quelle del carpino bianco (Carpinus betulus) pianta appartenente a un altro genere delle Betulaceae.

Il nome carpino deriva dal latino carpĭnus, i (= carpino) e, in italiano denota due piante di genere diverso: il carpino bianco (Carpinus betulus) e il carpino nero (Ostrya carpinifolia). Le differenze principali tra le due piante sono le seguenti.

Carpino bianco: ha corteccia grigio-chiara e liscia; fiori maschili brevi e primaverili; foglie con nervature più evidenti; frutto portato da involucro foglioso a tre lobi.

Carpino nero: ha corteccia marrone-brunastra e screpolata; fiori maschili lunghi e visibili già in autunno; foglie con nervature meno evidenti; frutto portato da involucro foglioso semplice.

Il carpino nero è presente nell’Europa sud-orientale e in Turchia. In Italia vegeta in tutto il territorio nazionale dalle Prealpi all’Appennino e, sporadicamente, nelle isole maggiori.

È specie con esigenze limitate, tollera bene terreni calcarei e suoli asciutti. Per questo viene usata per colonizzare ambienti degradati e poveri. È usato come pianta ornamentale in parchi e per alberature cittadine.

Esso si associa al cerro (Quercus cerris), alla roverella (Quercus pubescens) e all’orniello (Fraxinus ornus) in collina mentre nella media montagna si associa al faggio (Fagus sylvatica) e all’abete (Picea abies). È presente fino ai 1200 metri.

Il legno è pesante, duro, di color rosso-bruno ed è di difficile lavorazione. In passato veniva usato per produrre attimo carbone e oggi è usato essenzialmente come combustibile.

Il polline è piuttosto allergenico.

Così riporta il botanico apuano Pietro Pellegrini[2]:

1315. – Ostrya carpinifolia Scop.

= Carpinus ostrya – L.

= Ostrya vulgaris – W.

(luoghi in cui è stata osservata:) Comune nei boschi lungo il Frigido dalle sorgenti (Bert.) al ponte della ferrovia, al Castello di Montignoso e nella valle sotto il M. Carchio, tra la Rocca e i Tecchioni, al M. di Pasta e a Massa Vecchia, al Mirteto e in tutta la valle della Foce. Fra Codena e Bedizzano, a Gragnana, a Noceto, a Fossola, a Fontia, a Moneta, a Castelpoggio, tra Carrara e Colonnata (Ross.). Tra Caniparola e Fosdinovo e tra Fosdinovo e Ceserano, a Fivizzano e sue frazioni, nei monti del territorio di Aulla e di Caprigliola, tra Terrarossa e Licciana, fra Comano e Tavernelle, nel territorio di Villafranca e di Filattiera, a Tresana, a Mulazzo, a Zeri e in tutto il territorio di Pontremoli.

Volg. Carpino nero o carpinella.

Fiorisce in aprile e maggio. Pianta legnosa

LA PIANTA

Classificazione: Superdivisione: Spermatophyta; Divisione: Magnoliophyta; Classe: Magnoliopsida; Sottoclasse: Hamamelidae; Ordine: Fagales; Famiglia: Betulaceae; Genere: Ostrya; Specie: Ostrya carpinifolia

Forma biologica: fanerofita arborea (P scap). Fanerofita (simbolo: P) è una pianta perenne e legnosa con gemme svernanti poste a più di 30 cm dal suolo. Scaposa (simbolo Scap): pianta dotata di asse fiorale eretto e spesso senza foglie.

La pianta può avere anche forma biologica di: Fanerofita cespugliosa (simbolo: P caesp). Cespugliosa o cespitosa (simbolo: caesp) significa che il portamento è cespuglioso.

Descrizione: pianta arborea decidua alta fino a 20 metri con tronco diritto e chioma un po’ allungata. La corteccia è dapprima rossastra poi grigia-cinerea liscia e compatta. Le foglie sono brevemente picciolate, alterne, ovali, con margine doppiamente seghettato e sono lunghe da 4 a 8 cm. È pianta monoica con fiori piccoli che compaiono prima delle foglie, quelli maschili raccolti in amenti penduli lunghi 8-10 cm e in gruppi di 2-3 e quelli femminili in amenti lunghi 3 cm provvisti di brattee. Le infruttescenze sono ovoidali, pendule, lunghe fino a 6 cm e maturano tra luglio e settembre. Esse sono formate da acheni chiusi in brattee biancastre saldate per i margini a formare una sorta di vescica chiusa biancastra.

Antesi: aprile – maggio.

Tipo corologico: Europa meridionale e nella zona del Mar Nero. In Italia in tutto il territorio nazionale eccetto la Val d’Aosta.

Habitat: cespuglieti e boschi cedui fino a 1200 metri. Ama terreni soleggiati e umidi ben drenati, ma vegeta anche su terreni secchi.

Conservazione: la specie non è compresa nella LRT (Lista Rossa Toscana) delle specie vegetali protette.

Altre foto possono essere consultate qui

 

Attenzione: le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimentari eventualmente indicati sono a puro scopo informativo. Decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro uso a scopo alimentare, curativo e/o estetico.



note

1 Giovanni Antonio Scopoli (1723-1788) fu medico e naturalista italiano originario del Trentino, allora parte dell’Impero Austriaco. Insegnò all’Università di Pavia e descrisse diverse specie animali e vegetali secondo il metodo di Linneo. Nel 1760 pubblicò Flora carniolica testo poi rivisto 12 anni dopo.

2 Pietro Pellegrini “Flora della Provincia di Apuania ossia Rassegna delle piante fanerogame indigene, inselvatichite, avventizie esotiche e di quelle largamente coltivate nel territorio di Apuania e delle crittogame vascolari e cellulari, con la indicazione dei luoghi di raccolta”, Stab. Tip. Ditta E. Medici, Massa, 1942. Il testo è stato ristampato in copia anastatica nel maggio 2009 dalla Società Editrice Apuana di Carrara per conto della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara. Pag. 264.

 

Licenza Creative Commons
Creative Commons
Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di questo sito sono distribuiti con Licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

LO SPAZIO DI FABIO - rubrica curata da Fabio Frigeri