(LU-Stazzema) LEVIGLIANI–PASSO DELL'ALPINO–FOCE DI MOSCETA–MONTE CORCHIA(1678m)–CAVA–PASSO DI CROCE(1149m)–strada–LEVIGLIANI(Anello)
Loc. di partenza: Levigliani (582m)
Loc. di arrivo: Levigliani (582m)
Dislivello mt.: 1096m
Tempo totale: 7h 15'
Difficoltà: E
Punti d'appoggio: Levigliani – Rifugio Del Freo
Rifornimento acqua: Levigliani – Rifugio Del Freo
Tratti di ferrata: No
Sequenza sentieri: 9 – sent. di vetta non numerato – via di cava – strada asfaltata
Immagini del percorso
Versione stampabile i commenti non sono al momento consultabili
(DATA ESCURSIONE: 02/06/2009)



Qui un approfondimento sul Monte Corchia.

NB: Nelle note sono indicate le alternative al ritorno a Levigliani con la strada.

Partiamo dalla piazzetta di Levigliani, dove è possibile parcheggiare e dove c’è una bella fonte di acqua fresca.
Da qua saliamo subito per la ripidissima strada, recentemente asfaltata, che porta all’Antro del Corchia (grotta turistica che merita sicuramente di essere visitata).
La strada sale mediante una serie di ripidi tornanti costeggiando il Canale delle Volte.
Subito all’inizio c’è una maestà piuttosto recente e qualche rara abitazione.
Si vede bene la zona che dobbiamo raggiungere dove si trovano alcune cave, in particolare quella dell’Ussaccio con il suo ravaneto.
Lungo il percorso molte belle fioriture sulle rocce. A 46’ siamo all’ingresso dell’Antro continuiamo a sinistra per la marmifera non più asfaltata e a 50’ inizia il tratto delle Voltoline.
Questa è una mulattiera a tornantini molto panoramica e ricca di fioriture che porta a 01h 22’ al Passo dell’Alpino dove arriva il sentiero 122 da Pruno sul quale si innesta, poco prima, il 123 da Retignano.
Il sentiero continua a sinistra su rocce scistose scalinate e questo tratto è noto per le numerose lapidi dedicate a caduti in montagna, a 01h 31’ siamo ad una maestà (restaurata nel 1986) da cui iniziamo a vedere la Pania, avendo cambiato versante.
Il sentiero continua ameno a mezza costa ed in pochi minuti entra in un’abetaia da cui esce alla Foce di Mosceta a 01h 49’ dove è presente un’altra maestà e numerose indicazioni di sentieri.
Saliamo a sinistra ed in pochi minuti siamo al vicino rifugio Del Freo.
Qua seguiamo le indicazioni per il monte Corchia: il sentiero, ben indicato, sale a sinistra.
Iniziamo a salire a 01h 59’ seguendo segni bianco-rossi che poi, in alto, diverranno blu.
Il primo tratto di sentiero è in un bosco fitto di abeti e poi esce per una bella prateria che ci porta a 02h 09’ in alto con bella vista sulle Voltoline ed il Passo dell’Alpino.
Continuiamo qualche minuto e vediamo l’indicazione del sentiero verso sinistra, questa indicazione è stata messa da poco per evitare che l’escursionista prosegua in avanti per altro sentiero, non segnato, che porta a cave abbandonate dalle quali è comunque possibile ascendere al monte.
Saliamo per sfasciumi di marmo un tratto molto panoramico sia sulla Pania che sulla zona di Levigliani e a 02h 52’ siamo presso una casetta ad uso dei cavatori che si trova sulla destra.
Dopo 7’ saliamo un lastrone di marmo e poi saliamo per roccette che ci portano alla cresta terminale molto larga ed agevole.
A 03h 16’ siamo ai ruderi del bivacco Lusa Lanzoni (1640m) degli speleologi, distrutto anni fa per protesta.
Infine a 03h 16’ siamo in vetta.
Il luogo è particolarmente panoramico sull’intera catena apuana e sul litorale.
Qua è stata posta di recente una croce da alcuni soci del Cai di Viareggio.
Sostiamo solo 10’ per mangiare qualcosa e poi scendiamo in direzione dell’Antecima.
A 03h 49’ siamo alla sella più bassa prima di salire all’antecima, qua scendiamo a sinistra per andare alla cava dei Tavolini, senza un itinerario preciso, ed in breve siamo sulla marmifera che seguiamo. A 04h 19’ la marmifera si affaccia sul litorale e segue un tratto molto interessante con gallerie scavate nella roccia, pinnacoli maestosi e bellissimi panorami.
A 04h 32’ siamo all’inizio del sentiero, segnato di blu, per il canale del Pirosetto che si dirige a destra.
Esso segue di pochi metri l’ultima galleria e precede di poco il pannello verde da cui, a sinistra, scende un altro sentiero per il Passo Croce.
Noi continuiamo a scendere per la marmifera godendo dei bei panoramici sul Sumbra, Freddone, Altissimo ed altri monti.
A 04h 53’ siamo alla sbarra della strada marmifera ed a 04h 58’ siamo al Passo di Croce presso una maestà dedicata a Fortunato Cocci. Sostiamo qualche minuto a rifocillarci ed a 05h 12’ scendiamo per la strada.
A 05h 31’ incontriamo la maestà Giannelli-Olobardi.
Il percorso in discesa presenta begli scorci panoramici sul Corchia e costeggia abitazioni in buon stato di conservazione ed a tratti è fresco per gli alberi che circondano la strada.
A 05h 35’ siamo presso l’Agriturismo Le Coppelle. A 06h 06’ siamo al bivio per una strada che va a sinistra diretta a Levigliani, ma noi continuiamo la strada principale.
A 06h 36’ siamo alla maestà Olobardi-Guidi.
A 06h 40’ siamo sulla strada del Cipollaio.
A 07h 01’ siamo all’ingresso di Levigliani, saliamo l’ultimo tratto e a 07h 14’ siamo all’auto.
3.565.062
ESCURSIONI APUANE
ATTENZIONE!!! Lo staff di www.escursioniapuane.com declina qualsiasi responsabilità riguardo eventuali malaugurati incidenti che potrebbero accadere percorrendo gli itinerari descritti sul proprio sito. Declina altresì qualsiasi responsabilità per differenze eventualmente riscontrate rispetto a tali descrizioni, riguardanti alterazioni dello stato dei suddetti percorsi (quali: danni associati alle condizioni meteorologiche e ad altri eventi naturali, carenze di manutenzione, interventi umani, sostituzione delle numerazioni dei sentieri ecc.ecc.) successive alle date di effettuazione delle proprie escursioni.
A questo proposito, prima di effettuare le escursioni, si consiglia di chiedere sempre informazioni aggiornate, riguardanti lo stato dei sentieri che si intendono percorrere, alle Sezioni CAI che ne curano la manutenzione.
Ricorda inoltre che tutte le valutazioni circa le difficoltà delle escursioni, riportate sul proprio sito, sono prettamente soggettive. In montagna, per motivi esclusivamente personali, ciò che è estremamente facile per qualcuno, potrebbe essere estremamente difficile per altri e viceversa. Quindi, durante le escursioni, sta al buonsenso di ciascuno di coloro che ci leggono, decidere quando e se proseguire o meno.
Creative Commons License
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto
Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.