(LU-Seravezza) RIOMAGNO–CERRETA SAN NICOLA–MONTE FOLGORITO (mt.911)
Loc. di partenza: SERAVEZZA fraz. RIOMAGNO (mt.65)
Loc. di arrivo: MONTE FOLGORITO (mt.911)
Dislivello mt.: 846
Tempo totale: 5h 45'
Difficoltà: E
Punti d'appoggio: Seravezza
Rifornimento acqua: Seravezza – Cerreta S. Nicola
Tratti di ferrata: No
Sequenza sentieri: 140 – sentiero blu per la vetta – 140
Immagini del percorso
Versione stampabile i commenti non sono al momento consultabili
DATA ESCURSIONE: 28/12/2008



Qui un approfondimento sul Monte Folgorito.
Qui un approfondimento sul sentiero 140.

Superata Corvaia invece di prendere il ponte sul Torrente Versilia (formato dalla confluenza del Serra e del Vezza) che porta a Seravezza deviamo a sinistra per la valle del torrente Serra. Continuiamo per poco più di un chilometro e ci fermiamo presso il cartello che indica la frazione Riomagno.
Torniamo indietro per circa 100 metri e, sulla destra, troviamo una ripida salita cementata con indicazione del sentiero 140.
Saliamo ed incontriamo subito alcune abitazioni ed in 5’ entriamo nel bosco di castagni.
Il sentiero è una ripida mulattiera con numerose svolte che percorre una zona detta La Canala dal nome del sovrastante monte.
Ci sono alcune deviazioni, ma il percorso è segnato e non è possibile assolutamente sbagliarsi.
Le voltoline della mulattiera si fanno via via più strette salendo al valico.
Si vedono il cimitero, i borghi che attorniano Seravezza e, poco prima del valico, c’è una bella finestra sul Monte Altissimo.
A 42’ arriviamo sul crinale (ca 350m), presso un traliccio della corrente, il sentiero continua a destra, mentre da sinistra arriva un sentiero segnato, ma non numerato, dalla vicina Ripa.
Da questo punto la visuale si apre sulla costa da Livorno alla Spezia che vediamo ormai completamente antropizzata. Il sentiero ampio, ancora mulattiera, sale moderatamente, con anche tratti in falsopiano, in un ambiente decisamente mediterraneo in cui predomina il corbezzolo, insieme alla stipa, ai pini, ai ginestroni ed ai cisti.
A 50’ troviamo i resti di una maestà naturalmente senza l’immagine sacra, ma con i resti dello stipite di marmo in cui è rimasta incisa la scritta Benedetto. A 59’ incontriamo alcune grotte, poco dopo un rudere ed un tratto decisamente a pineta.
A 1h 10’ il sentiero è attraversato da tracce marcate di sentiero non numerato ed inizia a salire di più. A 1h 19’ inizia il castagneto e poco dopo cominciamo a vedere in lontananza la vetta del Folgorito con la sua grossa croce sommitale.
A 1h 33’ incontriamo un altro traliccio, alcuni ruderi a destra ed in pochi minuti (1h 37’) siamo presso la chiesa di San Nicola (mt.570) che lasciamo sulla sinistra per seguire il sentiero che costeggia un minuscolo cimitero mentre un po’ più in alto, sulla sinistra, ci sono le case di Cerreta.
Prendiamo poi a destra nel castagneto seguendo i segni e tralasciando lo stradello.
Nel bosco, tra diversi ruderi, sono presenti anche abitazioni in buono stato e presumo abitate almeno saltuariamente.
A 1h 48’ presso alcune case a sinistra c’è un’area picnic con una fontana. Saliamo ancora qualche minuto ed il sentiero presenta dei muretti a secco.
A 1h 55’ cambiamo versante ed iniziamo a vedere l’Altissimo.
Salendo poi scorgiamo anche il Corchia e la Pania ed a destra le Apuane Meridionali.
A 2h abbiamo di fronte una bella vista sul Folgorito e sull’Altissimo e sul borgo di Azzano e proseguiamo mantenendoci sul versante a monte fino ad incontrare uno stradello che sale dalla piana sottostante di Montignoso e di Strettoia (2h 15’).
Ora il sentiero segue questo stradello con a destra il pendio del Folgorito ormai completamente invaso dai ginestroni mentre a sinistra è tornato il panorama sulla costa.
Tralasciamo la deviazione (che faremo al ritorno) per la baracca di Garibà e a 2h 33’ siamo alla base del monte.
A sinistra tracce portano ad un bel punto panoramico e poi alla Baracca di Garibà, a destra il sentiero continua aggirando il monte ed in alto una deviazione segnata di rosso porta alla vetta; tale sentiero, invaso dai ginestroni e non praticabile al momento di questa escursione e per molto tempo dopo, verrà poi, tornando perfettamente percorribile, ben ripulito dal Cai Massa nel Marzo 2018, nell'ambito del progetto Sentieri di Libertà.
In dieci minuti siamo al cippo ricordo della Linea Gotica da cui saliamo alla vetta, seguendo un sentiero blu.
La salita non è lunga né faticosa ed a 2h 53’ siamo in vetta (mt.911), dominata da una croce molto alta eretta nel 1986 dagli abitanti di Montignoso.
Inoltre sono presenti i resti di una trincea verso mare testimonianza del fatto che qua passava la linea Gotica ed il fronte nel 1944-45.
La vetta è molto panoramica sulla costa e sull’Altissimo e sul vicino Monte Carchio in lontananza scorgiamo la sagoma del Sagro. Sostiamo solo pochi minuti (4’) e torniamo al cippo dove arriviamo a 3h 07’ qua una breve sosta a vedere, un po’ in basso, le nuove indicazioni del sentiero Vietina-Folgorito con tanto di cartelli esplicativi.
Poi prendiamo il sentiero 140 a sinistra che aggira il monte fino a tornare al trivio a 3h 20’ adesso prendiamo a destra per il punto panoramico ed in 5’ siamo presso la baracca di Garibà dove è possibile sostare per mangiare, ripararsi e trovare anche qualche genere di conforto e volendo ci si può fare anche un caffè.
Ci fermiamo un quarto d’ora e poi scendiamo recuperando il sentiero a 3h 45’ e lasciamo lo stradello dopo 5’.
A 4h 11’ siamo alla chiesa di San Nicola a Cerreta davanti alla quale si trova un bel prato e presso la quale c’è una fontana.
A 5h 07’ siamo al traliccio e a 5h 43’ siamo all’auto.
3.565.372
ESCURSIONI APUANE
ATTENZIONE!!! Lo staff di www.escursioniapuane.com declina qualsiasi responsabilità riguardo eventuali malaugurati incidenti che potrebbero accadere percorrendo gli itinerari descritti sul proprio sito. Declina altresì qualsiasi responsabilità per differenze eventualmente riscontrate rispetto a tali descrizioni, riguardanti alterazioni dello stato dei suddetti percorsi (quali: danni associati alle condizioni meteorologiche e ad altri eventi naturali, carenze di manutenzione, interventi umani, sostituzione delle numerazioni dei sentieri ecc.ecc.) successive alle date di effettuazione delle proprie escursioni.
A questo proposito, prima di effettuare le escursioni, si consiglia di chiedere sempre informazioni aggiornate, riguardanti lo stato dei sentieri che si intendono percorrere, alle Sezioni CAI che ne curano la manutenzione.
Ricorda inoltre che tutte le valutazioni circa le difficoltà delle escursioni, riportate sul proprio sito, sono prettamente soggettive. In montagna, per motivi esclusivamente personali, ciò che è estremamente facile per qualcuno, potrebbe essere estremamente difficile per altri e viceversa. Quindi, durante le escursioni, sta al buonsenso di ciascuno di coloro che ci leggono, decidere quando e se proseguire o meno.
Creative Commons License
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto
Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.